Cuscini a Punto Pittura

I miei primi esperimenti mi hanno fatto prendere maggiore confidenza con la tecnica del punto pittura, ho quindi deciso di dedicarmi per un po’ di tempo a soggetti piccoli e veloci, in modo da poter cambiare rapidamente disegno e poter sperimentare lavori a difficoltà progressiva, ecco come sono nati i miei cuscini…

…qui vedete un fiore di ortensia….

 

 

 

 

qui invece un bel mazzo di fiori assortiti (disegno di Asmara Mannocci)….

 

 

 

 

 

Poi i soggetti sono diventati più complessi, in questo cuscino, per esempio, la gamma di colori utilizzata si è ampliata, in modo da ottenere belle sfumature e giochi di luce….

 

 

 

 

Questo è un altro disegno di Asmara Mannocci, l’ho realizzato durante il  suo corso “avanzato”. Come potete vedere il disegno non è complesso, ma i colori sono molti, specialmente nelle foglie….non c’è n’è una uguale ad un’altra!

 

 

In questa foto si  vede meglio la particolarità delle foglie..

 

 

 

 


Questo disegno invece è stato tratto da uno dei lavori di Trish Burr, altra grandissima ricamatrice! Lei vive in Sudafrica, ma pubblica i suoi libri in tutto il mondo, è bravissima ed io ho con il tempo acquistato tutte le sue pubblicazioni, per me sono fonte di infinite ispirazioni!

 

 

Ho scelto di inserire anche questa foto per farvi vedere quanti colori ho utilizzato…. il punto pittura mi piace proprio!

 

 

 

E questo è l’ultimo cuscino che ho realizzato…l’ho terminato un paio di mesi fa.
Anche le camelie sono belle!

 

 


In questo cuscino ho eseguito le foglie con i filati DMC e i fiori con filati in seta SPLENDOR. la seta ha il vantaggio di riflettere tantissimo la luce, aggiungendo dunque tridimensionalità a tutto l’insieme!
Nel punto pittura l’essenziale è dare il senso della profondità, in modo che il ricamo “si stacchi dalla tela”, come se i fiori fossero stati appoggiati sul lino….

 

Una tovaglia floreale a Punto Pittura

Questa è l’opera di più grandi dimensioni finora da me realizzata a punto pittura… ho impiegato molto tempo ad eseguirla (circa 6 mesi), ma ne è valsa la pena!
In questo lavoro si evidenzia come sia importante la corretta scelta dei colori..in questo caso i fiori sono rappresentati in maniera fantasiosa, i colori sono stati scelti sulla base della sensibilità dell’artista e non rispecchiano fiori reali…l’insieme tuttavia risulta ben equilibrato, non ci sono colori che risaltano troppo rispetto agli altri, ma tutti insieme danno armonia al progetto.

 

Il disegno è sempre di Asmara Mannocci, così come la gamma di colori scelti.

 

 

 

 

 

Un particolare del centro della tovaglia, eseguita con filati DMC.

 

 

 

Qui una visione ravvicinata di uno dei fiori in angolo.

 

 

 

Il mio Punto Pittura

 

Qualunque appassionata di ricamo che ami i lavori con tanti colori prima o poi si trova ad avere il desiderio di sperimentare il ricamo libero, con punti classici, ed il punto pittura.

Io ho imparato il punto pittura da relativamente poco tempo (circa 4 anni), in precedenza pensavo si trattasse di una tecnica troppo elaborata e che richiedesse di dedicarcisi per molte ore al giorno, per poter trovare il modo di rendere al meglio tutte le sfumature di colore che possono avere i soggetti di tipo floreale o animale….

Poi ho deciso di frequentare i corsi di ricamo della scuola “Il ricamo diventa pittura”, che si tengono nella splendida città di Pisa; l’insegnante è Asmara Mannocci, a mio parere (ma non solo mio) una delle più grandi esponenti italiane di questa tecnica!  Asmara ha “reinventato” il punto pittura, portandolo a livelli pittorici molto alti e contemporaneamente riuscendo ad ottenere manufatti dal retro perfetto!
La cosa più difficoltosa da imparare nel punto pittura, a parer mio, è l’accostamento corretto dei colori, sia come accordo di sfumature, che come bilanciamento cromatico dell’intera composizione…ecco perchè è necesario incominciare con lavori semplici e con poche sfumature, per impadronirsi della tecnica, per poi sperimentare soggetti con molti più colori, fino ad arrivare a disegnare da soli dei soggetti che poi realizzeremo con i colori che sceglieremo direttamente noi!

fiore e farfalla
Questo è stato uno dei miei primi lavori, come vedete la manualità lascia molto a desiderare, tuttavia sono affezionata a questo piccolo soggetto, perchè mi ricorda la fatica fatta per prendere confidenza con questa non facile tecnica!

 

 

 

 

 

Il lavoro successivo è stato fare le tendine per la mia cucina, ho scelto un disegno facile, con pochissime sfumature…unica difficoltà, ricamare il punto pittura su bisso di puro lino! Tendere una stoffa così sottile sul telaio senza rovinarla non è stato facile!

 

 

 

 

Qui potete vedere un particolare delle tendine, anche qui la mia mano non è delle migliori, ma la scelta della stoffa da utilizzare come substrato è stata “coraggiosa” per la poca esperienza che avevo!
Il risultato è stato buono…potendo lavorare ottenendo un retro molto pulito si possono fare anche tende molto sottili (e dunque ben trasparenti e luminose) ed eleganti!